Disdetta WINDTRE (ex Tre H3G)

windtre

Avete intenzione di disdire la vostra utenza WINDTRE? Siete nel posto giusto. Nelle righe di seguito infatti troverete tutte le informazioni su quello che bisogna fare per disattivare la vostra utenza WINDTRE, con indicazioni chiaramente diverse in base alla situazione contrattuale.

Disattivare una linea fissa infatti è diverso dal disattivare una mobile; fare richiesta di disdetta subito dopo l’acquisto è diverso che farlo due mesi dopo. Andiamo quindi con ordine e capiamo come dovete muovervi per non sbagliare.

 

 

La disdetta di un contratto WINDTRE Mobile: il diritto di recesso entro 14 giorni

I contratti “Mobile” sono quelli che sono legati a servizi e abbonamenti su smartphone. Se il cliente che rinuncia al servizio lo ha acquistato online o via telefono e ne dà comunicazione entro 14 giorni. Ci troviamo nella situazione definita di “diritto di recesso”

Per esercitare il recesso basta informare la società WINDTRE e della propria volontà usando uno gli strumenti messi a disposizione.

La comunicazione infatti può avvenire tramite raccomandata A/R, al seguente indirizzo:

Wind Tre S.p.A.

CD MILANO RECAPITO BAGGIO

Casella Postale 159 20152 MILANO MI

Oppure a mezzo PEC: servizioclienti159@pec.windtre.it

Oppure ancora, recandosi in uno dei punti vendita abilitati WINDTRE, attraverso chiamata al 159 con verifica della vostra identità, attraverso il servizio chat.

Indipendentemente dalla modalità di recesso scelta, lo stesso sarà attivo 30 giorni dopo il ricevimento della comunicazione (salvo i casi di portabilità del numero mobile, che potrebbero richiedere più tempo).

Nella richiesta dovete specificare i vostri dati (nome, cognome, indirizzo completo, recapito telefonico, mail, codice fiscale, utenza per la quale state facendo la richiesta, modalità di addebito residuo prescelta) e allegare il documento di identità.

 

 

In generale il cliente che manda disdetta dovrà pagare tutti i servizi e il traffico effettuati fino alla disattivazione del servizio stesso.

Se la disdetta in particolare è relativa ad un contratto fatto online o per via telefono e la richiesta viene avanzata entro 14 giorni dall’attivazione del servizio il cliente non dovrà pagare nessuna penale

Disdetta Mobile dopo 14 giorni (o per attivazioni avvenute in negozio)

Se la disdetta avviene dopo 14 giorni o riguarda dei servizi attivati in negozio, la situazione cambia leggermente. Ma andiamo con ordine.  

Gli strumenti a disposizione sono i medesimi di cui sopra, quindi lettera raccomandata, PEC, via chat, al 159, o presso i punti vendita.

Essa verrà finalizzata al massimo entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione. In fase di disdetta vi verranno chiesti i vostri dati personali, (nome indirizzo, codice fiscale), le informazioni di contatto, le informazioni sull’utenza da disattivare  e la modalità di addebito di eventuali pagamenti pendenti.

In tutti i casi sarà importante confermare la propria identità allegando un documento di identità.

Oltre a pagare tutti i servizi di cui ha usufruito, infatti, il cliente dovrà pagare una penale sancita dal contratto. Il costo del recesso inoltre cambia se la sim mobile era associata all’acquisto di uno smartphone pagato a rate.

Le rate residue vengono addebitate e calcolate in base a quanto previsto dal contratto sottoscritto. Sul contratto si trovano anche informazioni sulla modalità di pagamento delle cifre pendenti e delle rate finali in caso di telefono acquistato in abbonamento.

Solitamente le opzioni proposte sono:

  • addebito su conto corrente;
  • maxi rata da saldare con bonifico;
  • rateizzazione che continua solo per l’importo relativo al telefono.

Disdetta WINDTRE Fisso (solo voce, solo internet o voce + internet) o combinato entro 14 giorni

La disdetta è ovviamente permessa anche in caso di linea fissa. Per linea fissa intendiamo in contratti effettuati con WINDTRE che includono traffico voce, traffico internet o entrambi.

Se avete sottoscritto il contratto online o telefonicamente, e volete fare recesso entro 14 giorni dovete procedere come di seguito.

La decisione di recedere può essere inoltrata via lettera raccomandata A/R  scrivendo a

Wind Tre S.p.A.

CD MILANO RECAPITO BAGGIO

Casella Postale 159 20152 MILANO MI

via PEC all’indirizzo servizioclienti159@pec.windtre.it 

presso i negozi WINDTRE o via call center o chat.

La pratica verrà gestita entro 30 giorni dalla sua ricezione.

Nel modulo bisogna specificare i propri dati, i dati della linea e la volontà di recedere, oltre che allegare il proprio documento di identità.

Qui il moulo per clienti privati e clienti business

L’operazione non è legata a costi o penali, il cliente dovrà pagare solo eventuali spese di istallazione, specificate nel contratto di attivazione dell’utenza. I costi verranno inseriti in quella che sarà l’ultima fattura.

Disdetta WINDTRE fisso dopo 14 giorni

Se avete una linea fissa che avete attivato in negozio o in tutti i casi da più di 14 giorni dovrete invece fare disdetta.

Il modulo di disdetta dovrà contenere i vostri dati (nome, cognome, indirizzo completo, numero di telefono, indirizzo mail), i dati relativi all’utenza (indirizzo e numero di telefono) e vostra volontà di rinunciare ai servizi.

Qui il moulo per clienti privati e clienti business

La comunicazione può essere inoltrata mediante medesimi canali, di cui al paragrafo precedente.

La disdetta di un contratto acquistato online o telefonicamente effettuata entro 14 giorni dalla firma del contratto permette di non avere nessuna penale da pagare.

Restano a carico del cliente solo eventuali operazioni di installazione linea che vengono valorizzate nel contratto di attivazione utenza.

Nelle altre situazioni invece dovrete verificare sul contratto quale contributo è previsto per la chiusura della pratica, questo contributo verrà inserito nella ultima fattura.

 

 

In questo momento vi viene chiesto anche di saldare eventuali rate residue se avete acquistato a rate un modem e non avete ancora terminato il suo pagamento.

E’ bene non lasciare mai aperti questi pagamenti per non ricorrere in decreti ingiuntivi e per non essere iscritti nell’albo dei morosi (in caso di debiti superiori a 150 euro).

Se avete dubbi sulle condizioni del vostro contratto, vi consigliamo sempre di chiamare il 159 per essere sicuri dei costi ai quali andrete incontro in caso di disattivazione della vostra utenza.