Home / Telefonia fissa e Adsl / Disdetta TIM: come recedere da abbonamento linea fissa, mobile e ricaricabile

Disdetta TIM: come recedere da abbonamento linea fissa, mobile e ricaricabile

tim logo

Indice articolo:

Come procedere nel caso in cui si debba effettuare una disdetta TIM?

Vediamo tutti i casi, e come comportarsi se si desidera recedere l’abbonamento di rete fissa o mobile.

Si consiglia di leggere bene tutti i punti e di procedere con calma per disattivare abbonamento e servizi.

 

 

Disdetta TIM rete fissa (Internet e telefono)

Come si può immaginare, l’iter per disdire la rete fissa e quella mobile è differente, dato che si tratta di due servizi differenti che vengono forniti dallo stesso gestore.

Vediamo, quindi, cosa dovrai fare nel caso della disdetta per la rete fissa.

La prima cosa da specificare è che si deve sempre tenere a mente quella che è l’offerta sottoscritta.

Questo perché potrebbero esserci degli apparecchi a noleggio o in comodato che andranno restituiti entro i tempi stabiliti dal gestore.

In ogni caso, per effettuare questo tipo di disdetta, si deve scaricare e compilare il modulo relativo alla propria condizione di abbonamento.

Tutta la modulistica, è disponibile sul sito ufficiale, nell’apposita sezione .

Trovato il modulo di riferimento, bisogna scaricarlo, compilarlo debitamente in ogni sua parte e apporre la firma.

Pronto il modulo, va effettuata copia fronte-retro di un documento, in corso di validità.

La documentazione va inviata a TIM a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno al seguente indirizzo:

TIM Servizio Clienti Residenziali, Casella Postale 111 – 00054 Fiumicino (Roma).

Le tempistiche di cessazione linea, ammontano in genere a 15 giorni.

I costi per la disattivazione sono di euro 35,18 o 99,00 per la disattivazione di linea ADSL e Fibra.

In caso di disdetta entro 14 giorni (ripensamento), non ci sono costi di disattivazione.

Possono essere previsti ulteriori oneri in concomitanza di vincoli contrattuali disdetti anticipatamente (es. prima dei 24 mesi) o per vecchi costi di allacciamento linea.

Il servizio dovrà, in ogni caso, essere pagato sino al momento di avvenuta comunicazione della documentazione inerente il recesso.

Per informazioni aggiornate e comunicate direttamente dal gestore, è bene consultare anche le sezioni dedicate a Carta dei servizi e Condizioni generali del contratto.

Apparecchiature a noleggio o comodato d’uso

In caso di possesso apparecchi a noleggio o comodato d’uso, bisogna tenere a mente che va riconsegnato tutto, pena l’addebito di costi ulteriori come penali.

Qui la sezione dedicata alla restituzione dei telefoni.

E’ possibile preparare il pacco contenente il telefono e spedirlo direttamente a TIM con apposito modulo di accompagnamento, oppure presso una serie di negozi selezionati, nelle città di Roma, Milano, Napoli e Palermo.

 

 

Come riportato, nessun altro negozio TIM, tolti quelli indicati, è abilitato alla riconsegna dei telefoni, pertanto si dovrà provvedere all’invio postale.

Discorso diverso merita la restituzione del modem1)https://www.tim.it/assistenza/gestione-linea-e-servizi/fisso/gestione-della-linea/restituzione-telefoni-noleggio?_requestid=332703, Decoder TIM Box, per i quali non è prevista la consegna fisica ai negozi, ma solo ed esclusivamente a mezzo invio postale2)https://www.tim.it/assistenza/tv-entertainment/timvision/dispositivi-timvision/decoder-tim-box

Disdetta TIM linea fissa entro 14 giorni

Come anticipato poc’anzi, in caso di intenzione di recedere da TIM entro 14 giorni dalla sottoscrizione del contratto, non è previsto alcun costo, poiché si rientra nella casistica di diritto di recesso, previsto dalla legge.

Attenzione però: per far scattare la seguente condizione, è essenziale che il contratto sia stato attivato a distanza (telefono, web…) e al di fuori dei locali fisici dell’azienda.

Il modulo per il ripensamento è scaricabile qui, sempre sul sito ufficiale.

Va, anche in questo caso, compilato in ogni sua parte, firmato e inviato a mezzo fax al numero 800 000187.

Per passaggio operatore, bisogna invece seguire l’iter dell’invio raccomandata, al medesimo indirizzo fornito nel primo paragrafo.

Attenzione, anche qui, alla questione restituzione apparecchiature a noleggio o comodato d’uso, valgono i medesimi paletti esposti nel capitolo dedicato.

Come effettuare un passaggio operatore da TIM

Se si intende passare ad altro operatore, gli scenari sono più semplici.

Non va infatti preparata alcuna documentazione, ne scaricato alcun modulo.

Bisogna, invece, mettersi in contatto col gestore cui si intende passare, che si occuperà di tutti gli oneri di passaggio, disdetta inclusa.

Unica piccola attenzione che si richiede al cliente, è quello di comunicare il codice di migrazione3)https://www.tim.it/assistenza/per-i-consumatori/info-consumatori-fisso/codice-segreto-e-codice-migrazione al nuovo gestore.

Lo si ritrova all’interno di qualsiasi bolletta TIM. Se si hanno difficoltà, è bene contattare il 187.

Le tempistiche per passaggio ad altro operatore, ammontano a 10 giorni lavorativi, come termine massimo previsto dalla legge.

Disdetta TIM mobile abbonamento

Nel caso in cui va effettuata la disdetta a TIM per un abbonamento mobile, la procedura segue indicazioni leggermente differenti.

Il primo passo è quello di scaricare l’apposito modulo, disponibile qui.

Il Modulo va letto, compilato in ogni sua parte e firmato.

Le opzioni di invio possono qui essere due: via fax o a mezzo raccomandata.

Il numero fax è 800 600 119.

L’indirizzo per la raccomandata (che deve essere con ricevuta di ritorno) è il seguente:

Telecom Italia c/o Abramo Customer Care S.p.A. – Casella Postale 500 – 88900 Crotone (KR).

Le tempistiche per la gestione della pratica ammontano solitamente a 30 giorni.

Tempi e costi variano a seconda dell’offerta commerciale sottoscritta.

In caso di acquisto smartphone in abbinamento, contestualmente al recesso, va effettuato anche il saldo della rimanente parte economica collegata all’acquisto del dispositivo4)https://www.tim.it/assistenza.

Disdetta TIM mobile ricaricabile

In caso di abbonamento ricaricabile, si procede con la disattivazione della SIM.

Qui il modulo da scaricare, stampare, compilare, e firmare.

Relativamente al rimborso del credito residuo, attenzione a barrare il metodo di restituzione preferito.

 

 

Il modulo va inviato assieme al documento d’identità via fax o via raccomandata, ai medesimi recapiti esposti poc’anzi, nel paragrafo dedicato agli abbonamenti.

Altri articoli per approfondire:

Fonti   [ + ]

1. https://www.tim.it/assistenza/gestione-linea-e-servizi/fisso/gestione-della-linea/restituzione-telefoni-noleggio?_requestid=332703
2. https://www.tim.it/assistenza/tv-entertainment/timvision/dispositivi-timvision/decoder-tim-box
3. https://www.tim.it/assistenza/per-i-consumatori/info-consumatori-fisso/codice-segreto-e-codice-migrazione
4. https://www.tim.it/assistenza