Home / Telefonia fissa e Adsl / Come fare disdetta da TIM Business, il servizio B2B di TIM

Come fare disdetta da TIM Business, il servizio B2B di TIM

disdetta tim business

In molti si domandano in che modo debba essere presentata la disdetta TIM Business.

Capita, infatti, di attivare questo servizio, che prima si chiamava Impresa Semplice, e di non esserne soddisfatti. I motivi possono essere disparati, ma quello che, invece, non cambia è il modo di inoltrare la domanda per addivenire alla disdetta del servizio in questione.

 

 

TIM Business è l’offerta che il gestore di telefonia mobile ha pensato per liberi professionisti e per imprenditori.

Nonostante sia un prodotto che da anni viene scelto da moltissime persone, non mancano le persone che, invece, desiderano procedere con la disattivazione del servizio.

A differenza di quanto si possa immaginare, l’iter per farlo non è poi così complesso ma, come sempre accade, ci sono una serie di passaggi che devono essere seguiti ed eseguiti in maniera corretta, pena l’annullamento della richiesta.

Se si vuole rinunciare a quella che è l’offerta Business di TIM, si deve iniziare con lo specificare se si vuole procedere per una linea fissa o per la telefonia mobile.

Esistono, infatti, delle differenze tra i percorsi da seguire ed è per questo motivo che è importante capire quali sono i passaggi da fare.

In linea di massima, per richiedere la fine del rapporto, si deve andare a contattare l’operatore, scegliendo se si preferisce farlo online o per via telefonica, e si deve comunicare la volontà di recedere il contratto.

Il percorso, poi, dovrà essere finalizzato con l’invio di una raccomandata con ricevuta di ritorno.

 

 

Ma andiamo per gradi e cerchiamo di capire, passo dopo passo, come ci si deve muovere in questo specifico caso.

La procedura

Prima di entrare nel vivo del discorso, si deve sottolineare che, prima di firmare un contratto, è utile andare a leggerlo per intero, così da prendere conoscenza anche di quelle che sono le clausole rescissorie che vengono in esso segnalate.

In alcuni casi, ad esempio, sono previste delle penali anche abbastanza importanti per la mancata restituzione di quelle che sono le apparecchiature fornite da TIM in comodato d’uso entro i tempi e nei modi stabiliti dal contratto.

Per questo, e per molti altri motivo, è importante leggere e prendere visione di tutto, in modo tale da non dover affrontare altre spese che si potrebbero non sostenere rispettando le clausole di cui sopra.

Come detto in  precedenza, ci sono diversi modi per procedere con la disdetta TIM Business. Quello che è importante è ricordare che tutto va fatto nei modi e nei tempi prestabiliti.

Andando a leggere quelle che sono le condizioni generali, così come presenti nel contratto che si va a sottoscrivere, è possibile procedere con la disdetta di un contratto business di TIM in qualsiasi momento.

Non ci sono, quindi, dei vincoli temporali da questo punto di vista anche se è fondamentale procedere con una comunicazione scritta da inviare all’azienda tramite raccomandata con ricevuta di ritorno e nella quale è contenuto un congruo preavviso di almeno 15 giorni.

Si deve notare bene che si dovrà in ogni caso pagare il periodo di utilizzo del servizio in corso e si dovrà sempre corrispondere il canone dovuto per il medesimo.

Se ci si domanda se ci siano, o meno, dei costi di disattivazione, si deve sottolineare che tutto questo viene indicato nel profilo commerciale.

Casistiche in caso di rimodulazione prezzo

Attenzione, perché nel caso in  cui si richieda il recesso a causa di alcune rimodulazioni di prezzo operate da TIM o per delle variazioni contrattuali che non si vogliono accettare, allora il costo di disattivazione viene automaticamente annullato.

Quando avrà effetto il recesso TIM Business? Si parte dal momento in cui TIM cessa le utenze e, comunque, entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione scritta di cui sopra.

Nel caso di contratto bloccato per 24 mesi, se si richiede il recesso si dovrà pagare una somma pari a 83,33 euro,

Nel caso di offerta con profilo tariffario base, non ci sono dei costi da sostenere per ottenere la disdetta del servizio.

Per contattare il servizio clienti TIM Business si consiglia di utilizzare lo strumento telefonico. In questo caso è tutto molto semplice.

Moduli di disdetta TIM Business

Grazie al supporto di Lsb, alleghiamo i moduli per la disdetta TIM business da poter compilare e spedire direttamente online con la medesima valenza di una raccomandata a/r.

Basterà trovare la propria casistica, cliccare e inviare direttamente da LSB il modulo di riferimento

Modalità di contatto TIM Business

Il numero da comporre per parlare con un operatore  tim business è il 191.

Risponderà una voce guida che indirizzerà chi chiama verso la scelta giusta.

Il primo step è quello di indicare il numero di telefono, componendolo sul tastierino alfanumerico del proprio apparecchio.

Dopo averlo fatto si dovrà cliccare sul cancelletto # e si dovrà procedere seguendo le indicazioni della voce che parla. In questo modo si arriva a parlare direttamente con un operatore del customer care della TIM che dovrà registrare la volontà di inoltrare una richiesta di disdetta.

Si noti che il servizio è attivo sempre, in tutti i giorni della settimana e 24 ore su 24.

Quando si entra in contatto con l’operatore e si palesa la volontà di effettuare il recesso del contratto, questo sarà pronto a dare delle indicazioni che andranno seguite alla lettera.

In questo modo, tutto l’iter potrà essere snellito, perché c’è la possibilità di ricevere via mail il modulo specifico da compilare e spedire.

 

 

Nulla di più semplice, quindi, anche se il medesimo processo si può fare accedendo all’area riservata del sito TIM Business.