Home / Telefonia fissa e Adsl / Disdire Infostrada: linee guida da seguire

Disdire Infostrada: linee guida da seguire

Disdetta Infostrada

Indice:

Se il vostro obiettivo è quello di liberarvi dal servizio di telefonia a caratteri arancioni siete nel posto giusto: vi spiegheremo infatti come fare la disdetta da Infostrada  aggiornata al 2017 in maniera facile e corretta, senza commettere errori.

Infostrada è il marchio utilizzato da Wind per lavorare nel campo della telefonia fissa e dell’ADSL: l’azienda propone un servizio internet molto apprezzato dagli utenti perché estremamente competitivo e a prezzi davvero vantaggiosi.

Tuttavia può capitare che qualche utente, decidendosi a firmare il contratto con Infostrada, una volta trovatosi ad avere a che fare con il servizio offerto non si trovi bene. Può capitare, quindi, che sia necessario chiedere la disdetta che potrebbe essere dovuta anche al fatto che un altro operatore, con un’offerta migliore, risulti economicamente più vantaggioso.

Le disdette, comunque, non sono tutte uguali: premesso che il contratto stipulato con Infostrada ha una durata di 24 mesi, ci può essere la disdetta che avviene entro 14 giorni dalla stipulazione del contratto, quella che avviene oltre i 14 giorni e quella che coincide con la fine naturale del contratto.

Come disdire il contratto Infostrada

Per disdire il contratto Infostrada è sufficiente inviare il modulo apposito per chiedere la chiusura del contratto, compilato, firmato e spedito a mezzo raccomandata a/r. L’indirizzo al quale spedire la documentazione è:

Wind Telecomunicazioni S.P.A Casella Postale 14155 Ufficio Postale Milano 65 – 20152 Milano.

La disdetta del contratto, una volta inviata la comunicazione, sarà effettiva dopo trenta giorni, per questo motivo, per l’ultimo mese, dovranno essere comunque pagate le dovute spese.

Se la disdetta avviene entro 14 giorni dalla stipulazione del contratto non saranno addebitati i costi per la disattivazione, sarà però necessario restituire eventuali modem o apparecchi ricevuti in comodato d’uso.

Recesso prima della scadenza naturale

Qualora l’utente decidesse di disdire il contratto Infostrada prima della sua scadenza naturale, dovrà pagare le spese di disattivazioni pari a 65 euro. Sarà possibile, inoltre, decidere se acquistare o restituire modem ed eventuali altri oggetti in comodato d’uso: nel caso in cui l’utente decidesse di acquistarli, il costo sarà di 40 euro per ognuno.



Dai una svolta alla tua linea Telefonica: Scegli Fastweb, per te uno sconto speciale!

Nel caso in cui l’utente decida di fare disdetta Infostrada per tornare in Telecom Italia, dovrà pagare 35 euro.

Se, una volta inviata la disdetta si dovesse avere un ripensamento, sarà sufficiente spedire l’apposito modulo per annullarla, senza dover pagare nessuna cifra aggiuntiva, a mezzo raccomandata a/r.

Per la disdetta è sufficiente compilare l’apposito modulo e inviarlo tramite raccomandata a/r a Wind Infostrada: è necessario anche allegare il documento d’identità dell’intestatario del relativo contratto da chiudere.

Disdetta a scadenza naturale

Nel caso in cui l’utente volesse disdire il proprio contratto Infostrada alla scadenza naturale dello stesso, sarà necessario semplicemente inviare la propria comunicazione 30 giorni prima della scadenza dello stesso.

La disdetta, lo ricordiamo, diventa effettiva dopo un mese dalla ricezione della raccomandata contenete tutta la documentazione e l’apposito modulo. Anche in questo caso sarà necessario spedire eventuali dispositivi in comodati d’uso, che potranno essere acquistati per 40 euro l’uno.

Velocità senza limiti e prezzi in ribasso: Prova adesso Fastweb in due pack stratosferici!



Speciale Sky e Fastweb 



Speciale Enel e Fasteb

Moduli Disdetta Infostrada da scaricare gratis

La modulistica essenziale per disdire un contratto Infostrada può essere reperita direttamente nell’Area Clienti del sito web dell’operatore. Eccoli, di seguito, raggruppati:

Bonus: Subentro Infostrada, come fare?

Il subentro è una delle operazioni più comuni che è possibile realizzare con Infostrada. Si tratta di un passaggio, davvero molto semplice, che permette di cambiare l’intestazione di una linea telefonica, attiva nella stessa sede in cui è allocato l’impianto, con l’assenso del nuovo proprietario della linea.
Con il subentro di Infostrada, in pratica, è garantita la continuità del servizio. Ma come si effettua l’operazione ?
Le tipologie di subentro sono due: il gratuito e l’oneroso. Si tratta di due procedimenti che si discostano per un fattore essenziale: il pagamento di un costo.
Il primo tipo di subentro Infostrada, ovvero quello gratuito, si effettua facilmente quando, ad essere oggetto del subentro, sono due componenti dello stesso nucleo familiare.
Si rende necessaria, nel caso di Infostrada ADSL, la sottoscrizione del modulo presente sul sito dell’azienda, nell’area “Modulistica Utile”.
La richiesta deve essere accompagnata da una precisa documentazione: carta di identità del soggetto cedente, del subentrante ed un documento che attesti l’appartenenza allo stesso nucleo familiare. L’ultimo passaggio necessario è di cambiare la domiciliazione bancaria, indicando l’IBAN del subentrante, sempre nell’Area Clienti.

Per quanto riguarda il subentro Infostrada oneroso, che si effettua in tutti i casi diversi dal precedente, la modulistica indicata in precedenza è accompagnata dal pagamento di 20,00 euro + Iva.
Disdetta Infostrada
10 basato su 10 recensioni