Templates by BIGtheme NET
Home / Gas e energia / Disdire Eni Gas: come farlo in poche semplici mosse

Disdire Eni Gas: come farlo in poche semplici mosse

eni screen

Disdire Eni Gas

Fare la disdetta Eni gas è un’operazione di base semplice, ma alla quale si deve prestare molta attenzione. Numerose famiglie ricorrono a disdette per le proprie forniture di gas, o energia elettrica. Le cause che portano a ricorrere a un recesso dal proprio contratto di somministrazione principalmente sono due: cambio fornitore o trasloco.

Nel primo caso la maggior parte delle persone non sa che le procedure non sono le tesse del passato. Difatti anni fa era necessario recedere dal precedente contratto del gas, per poi intestarne uno nuovo, della compagnia che si riteneva avesse un offerta più competitiva.

Oggi non è più così. Chi vuole chiudere il proprio contratto Eni per passare ad un nuovo gestore non deve far altro che interpellare quest’ultimo.

Infatti sarà la nuova compagnia ad assumere gli oneri giuridici ed eventualmente economici con Eni gas. Tutto ciò è stato ideato per abbreviare i tempi giuridici e per dare alla nuova società subentrante il vantaggio di entrare a conoscenza di tutte le informazioni legate al nuovo cliente e poter da subito operare nel migliore dei modi.

Come fare disdetta Enel

Se da un lato, quello del cambio della fornitura, la burocrazia è stata agevolata a dismisura, dall’altro non è proprio così. La procedura della disdetta Eni gas è difatti leggermente più complicata, non tanto dal punto di vista giuridico in se, ma dal tempo di attuazione del passaggio.

Generalmente il consiglio è quello di muoversi già il mese prima, questo non per la lentezza della procedura, ma per le tante richieste dei clienti da accontentare. Difatti il primo passo è quello di contattare il numero verde 800 900 700.

Tramite questo portale la società permette di chiedere la disdetta Eni Gas direttamente per via telefonica dal contratto e non, come sino a qualche anno fa, tramite l’invio di una lettera raccomandata con il numero della lettura del contatore e il giorno in cui si voleva chiudere il contratto.

Leggi anche: 

Disdetta Enel

Disdetta Infostrada

Tramite questo numero, quindi, non si farà altro che fornire i propri dati personali (codice fiscale, codice cliente, e numero matricola contratto) e prenotare un appuntamento con i tecnici. A questo punto dipende tutto dalle località. Infatti a seconda degli impegni che i tecnici hanno sull´area della fornitura da chiudere, possono trascorrere anche 30 giorni affinché il contatore venga chiuso e che quindi il contratto venga estinto.

Non c´è da preoccuparsi, perchè comunque per legge tutte le società che gestiscono il metano hanno l’obbligo della chiusura entro 30 giorni, e se così non dovesse essere l´Eni gas sarà costretta a pagare all´utente un indennizzo sulla bolletta.

Da ricordare inoltre è che tramite la legge n. 40/2007, nota anche come legge Bersani, Eni non potrà addebitare penali per la rescissione anticipata del contratto, ma può solo avvalersi di indicare in fatturazione sull’ultima bolletta le spese richieste per la chiusura dello stesso, sempre però seguendo l´ammontare concordato con l´Autorità Garante per i Mercati e le Concorrenze.

Moduli necessari per effettuare la disdetta di Eni Gas

Qui di seguito un fac simile di modulo da compilare:

Destinatario: ENI S.p.A. – Piazzale Enrico Mattei 1 – 00144 – Roma

Oggetto: recesso dal contratto di somministrazione di energia elettrica / gas

Il sottoscritto: Nome e Cognome: Codice fiscale: Codice Cliente: Indirizzo: Matricola/e contatore/i: Chiede la cessazione della fornitura di energia elettrica / gas della suddetta utenza con decorrenza dalla data del xx/xx/xxxx In attesa di un vostro cortese riscontro inviamo i più cordiali saluti.

Firma

N.B. Occorre allegare il proprio documento di identità.