Templates by BIGtheme NET
Home / Professionisti e PMI / Licenziare un dipendente: la guida per ogni situazione

Licenziare un dipendente: la guida per ogni situazione

licenziare dipendente screen

Licenziare un dipendente può essere sempre difficile, anche perché nel tempo in cui è stato assunto, molto probabilmente se siete una piccola azienda avete intrapreso anche un rapporto personale e non solo professionale con lui.

Per vari motivi, però, a volte è necessario il licenziamento, per fare le cose in regola però bisogna innanzitutto compilare una lettera di licenziamento da far recapitare all’interessato, e comunicare successivamente alla firma del dipendente l’avvenuto licenziamento all’ente di previdenza sociale, in Italia, il licenziamento di un dipendente va comunicato all’Inps, in modo tale da non dover più pagare i contributi e dimostrare che quella persona non lavora più presso la vostra azienda.

Come licenziare un dipendente per furto

Se avete assunto un dipendente, con contratto a tempo determinato o indeterminato e lo avete sorpreso a derubarvi, potete effettuare il licenziamento per furto. Per questa tipologia di licenziamento, se il danno subito dall’azienda è grave, può anche essere fatta una denuncia ai carabinieri. Per licenziare il dipendente per furto dovrete comunque scrivere una lettera di licenziamento con la motivazione per furto, la lettera deve essere inviata tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, inoltre dopo aver fatto ciò dovete richiamare il dipendente per farvi firmare la conferma dell’avvenuto licenziamento.

Il licenziamento per furto deve essere comunque avvalorato da prove certe, nel caso questo sia reale, il datore di lavoro può richiedere al dipendente anche un risarcimento per i danni subiti, o il pagamento della merce sottratta.

Come licenziare un dipendente per inadempienza al lavoro

Licenziare un dipendente per giusta causa indica che ci debba essere un’azione compiuta deliberatamente al fine che questi possa essere considerato inadatto al lavoro che sta compiendo, oltre che, questi sia venuto visibilmente a mancare dei suoi doveri previsti dal contratto di lavoro.

Un dipendente può essere licenziato per inadempienza al lavoro, nei casi in cui questi abbia commesso delle azioni deliberate che hanno gravato sull’attività e sulla produttività dell’azienda. Ad esempio se il lavoratore deve andare a lavoro e non si presenta, questo è un atto d’inadempienza, se il lavoratore arriva sempre in ritardo, se il lavoratore ha mentito sulle sue capacità e dunque a causato un danno all’azienda, ai macchinari e ad altro.

L’inadempienza al lavoro in un’attività commerciale può anche verificarsi nel caso in cui il dipendente tratti in malo modo o compia gesti considerati violenti o razzisti nei confronti del cliente. In caso di licenziamento per inadempienza, vanno comunque corrisposti al dipendente l’ultimo stipendio e il TFR maturato e tutto ciò che gli spetta dall’ultima busta paga.

Come licenziare un dipendente per riduzione del personale

Nel caso in cui l’azienda stia avvertendo un momento di crisi e di difficoltà economica e non possa più onorare al contratto precedentemente sottoscritto attraverso l’assunzione del dipendente, anche a tempo indeterminato, questi può licenziarlo con causale di riduzione del personale.

Nel caso di riduzione del personale, l’azienda deve dimostrare che le entrate sono diminuite e che non necessità più di un altro dipendente. Nel licenziare un dipendente per riduzione del personale, il datore di lavoro dovrà comunque corrispondere al dipendente tutto ciò che gli è dovuto compreso il TFR.

Il licenziamento per riduzione del personale prevede inoltre che questi non assuma nessun’altra persona nell’immediato successivo al licenziamento del dipendente.

Come licenziare un dipendente senza giusta causa

Se avete un dipendente, che però non soddisfa le vostre aspettative ma non sapete come licenziarlo, se ha un contratto a tempo determinato potete semplicemente attendere che questo contratto scada e non rinnovarlo, con il contratto a tempo indeterminato invece, la situazione è più difficile, perché nel momento in cui andrete a fare il licenziamento, dovrete corrispondere al dipendente oltre tutto ciò che gli è dovuto, dovrete dargli ben 8 mesi di stipendio assicurato, nonostante questi non lavori più per la vostra azienda.

Dunque licenziare senza giusta causa, può anche portare il dipendente a fare un ricorso legale, che potrebbe alla fine gravare sull’azienda.