Templates by BIGtheme NET
Home / Telefonia fissa e Adsl / Disdetta Tiscali: come farla nel modo giusto

Disdetta Tiscali: come farla nel modo giusto

Disdetta Tiscali: come fare?

La disdetta Tiscali, a differenza di quanto si possa immaginare, è una procedura abbastanza semplice e di facile risoluzione che può essere, quindi, portata a termine anche dai meno esperti in materia contratti, recessi e relativi moduli.

Fare la disdetta della linea telefonica desta sempre un po’ di preoccupazione poiché ci si chiede se si tratti di una procedura complessa e poco chiara e, oltretutto, se comporti il pagamento di penali come può, talvolta, accadere se si disdice il contratto prima del tempo stabilito.

Si può optare per la disdetta anticipata del contratto per svariate ragioni. Ad esempio, se si vuole passare ad un altro operatore che offra condizioni contrattuali più favorevoli rispetto a quelle attuali o anche per recedere in maniera permanente da una linea ADSL.

Disdetta Tiscali alla scadenza del contratto

A tal proposito, nella disdetta Tiscali rientrano vari tipi di recesso. Quello che avviene entro 14 giorni dalla conclusione del contratto, ad esempio, riguarda la migrazione da un gestore a un altro.

 Leggi anche:
Numero verde Sky
Numero verde Vodafone

Essa in particolare può essere richiesta esclusivamente da colui a cui il servizio risulta intestato che, infatti, è tenuto ad inviare il codice di migrazione fornito dallo stesso gestore dal quale si vuole recedere; o comunque può essere inviata la richiesta di invio del codice mediante posta elettronica.

L’attivazione di questo nuovo servizio, ad ogni modo, avverrà nel momento in cui il nuovo gestore provvederà alla trasmissione della volontà del cliente appena acquisito.

Quest’ultimo, in ogni caso, è tenuto a inviare una comunicazione a Tiscali prima che scada il termine utile per chiedere la recessione dal contratto. Una volta giunta la richiesta Tiscali provvederà al rimborso delle spese riguardanti i canoni di servizio mediante la modalità di pagamento scelta inizialmente dal cliente.

Tale rimborso, ad ogni modo, sarà sospeso fino all’avvenuta restituzione del modem nonché dei relativi accessori entro 14 giorni dalla comunicazione del recesso.

I costi relativi alle spese di restituzione, tra le altre cose, sono interamente a carico di colui che recede.

L’ invio degli apparati, comunque, dovrá avvenire al seguente indirizzo:

Tiscali Italia S.p.A C/O filiale magazzino
SDA-Cagliari Via Betti S.n.C
Zona Industriale CASIC Est
09030 Elmas Cagliari

Nel caso in cui, la restituzione dei beni accessori non dovesse verificarsi a causa di inadempienza da parte del cliente, quest’ ultimo si vedrà addebitare le relative penali che, infatti, variano in base agli anni di possesso degli stessi.

Se, ad esempio, il modem è in suo possesso da meno di un anno, la penale ammonterà a € 60. Se, l apparato risulterà in possesso da meno di due anni, la multa sarà di €40 e, infine, se il possesso del modem risulterà da oltre due anni la penale ammonterà a €20.

Disdire Tiscali in maniera definitiva

Se, invece, volete recedere in maniera irreversibile dalla linea ADSL, occorre comunicarlo con almeno 30 giorni di anticipo a mezzo raccomandata al seguente indirizzo:

Tiscali Italia S.p.A.
Servizio Clienti
Località Sa Illetta S.S. 195 km 2,300
09123 – Cagliari.

Oltre a ciò, è di fondamentale importanza che alla lettera di disdetta venga posta in allegato anche una fotocopia sia del fronte che del retro di un documento di riconoscimento.

Con uno sguardo ai costi, essi variano in base alla tipologia di recesso. Ad esempio, nel caso di migrazione i costi sono compresi tra 26,22 e 43,36 Euro IVA inclusa, nel caso di recesso definitivo, invece, i costi lievitano tra 40,33 e 84,69 Euro IVA inclusa.

Nel caso in cui in seguito ad un avvistamento in fattura di costi maggiori rispetto a quelli previsti per la procedura di disattivazione  è possibile inviare una diffida a mezzo raccomandata provvista di ricevuta di ritorno in cui si richiederà chiedere l’immediata corresponsione del credito eccedente.

Tra le altre cose, in ambito di richiesta di risoluzione del contratto, si può provvedere all’individuazione dei costi applicabili mediante la consultazione dell’ultima pagina della fattura, alla sezione “Codici di migrazione”. In tale sezione, infatti, sono contenute svariate informazioni tra cui  la voce “codice”.

In altre parole, al di là di qualche modulo da compilare e la restituzione di quanto previsto dal contratto inizialmente stipulato, l’unico ostacolo potrebbe essere rappresentato dalla spesa riguardante la disdetta Tiscali; in realtà non si tratta di cifre eccessivamente alte, basti pensare che in caso di recessione permanente, nel peggiore dei casi, la spesa non supererà di molto i 100€, mentre nel caso di migrazione da un gestore all’altro le cifre sono ancora più contenute: in linea di massima non ci si dovrebbe discostare molto da i 50- 60 €.

Non molto, dunque, se si pensa che dopo sarete liberi di stipulare liberamente il contratto che risponde meglio alle vostre esigenze economiche.

Moduli per disdetta Tiscali

Per i nostri utenti, a completamento della guida, ecco i moduli per effettuare recesso da Tiscali, da scaricare e compilare gratuitamente.

Di seguito il Modulo disdetta dopo 1 anno

Di seguito la Disdetta Tiscali entro 14 giorni

Disdetta Tiscali
10 basato su 10 recensioni