Home / Gas e energia / Disdetta a2a Energia: la Guida Chiara e Semplice

Disdetta a2a Energia: la Guida Chiara e Semplice

Come fare la disdetta da A2a Energia

A2A Energia è un’azienda che nasce in Italia e che da quasi 10 anni fornisce ai clienti business e privati, energia elettrica e gas naturale. Ha le sedi principali a Brescia e Milano, ma si è diffusa in tutto il nord, operando in particolare in Lombardia.

Quando si sottoscrive un contratto è importante conoscere le modalità di disdetta, talvolta infatti possono essere molto complicate e con tempi lunghi, o comportare spese eccessive.

Non è il caso di A2A, che per rendere il tutto più semplice, ha sviluppato un protocollo per le disdette, facilitando la procedura e fornendo al cliente la possibilità di effettuarla direttamente online, telefonicamente o rivolgendosi ad una delle sedi.

 

 

Le principali modalità di disdetta disponibili sono due: il diritto al ripensamento e la chiusura definitiva di un contatore. Se volete saperne di più su come effettuare la disdetta, sui tempi da rispettare e sulle modalità, continuate a leggere qui di seguito, dove esamineremo il tutto nei particolari.

Disdetta A2A Energia entro 14 giorni: chi può richiederla?

La prima modalità di disdetta di cui parleremo è quella che fa riferimento al diritto al ripensamento, stabilito per legge ed esercitabile da tutti i clienti che sottoscrivono dei contratti a distanza.

Per contratto a distanza si intende l’accettazione o sottoscrizione di un contratto al di fuori di un negozio A2A, quindi ad esempio l’accettazione di un contratto per via telefonica o la sottoscrizione tramite internet o con venditori porta a porta.

Tutti i clienti che hanno sottoscritto questo genere di contratti, possono decidere di recedere senza alcuna penale entro massimo 14 giorni solari dal momento in cui il contratto firmato sia stato ricevuto a casa.

 

 

La disdetta A2A Energia per diritto al ripensamento non comporta spese, non sarà infatti applicata alcuna penale ed i pagamenti già effettuati vi verranno rimborsati.

Disdetta A2A per chiusura definitiva del contatore o per passaggio ad altro fornitore

La disdetta A2A per chiusura definitiva del contatore, può essere richiesta dal cliente in qualsiasi momento, pur rispettando un determinato preavviso.

I tempi a cui far riferimento sono indicati all’interno del contratto, ma in generale si tratta di 30 giorni per i clienti privati, 3 o 6 mesi in base alla tipologia di consumi per i clienti business.

Differentemente dalla disdetta per diritto al ripensamento entro 14 giorni, la disdetta definitiva A2A può avere dei costi, indicati all’interno del contratto o da richiedere rivolgendosi direttamente al servizio clienti.

Il passaggio a nuovo operatore non richiede alcuna disdetta, se dunque non volete chiudere il vostro contatore, ma desiderate semplicemente cambiare offerta, non inviate alcuna comunicazione di disdetta.

Rivolgetevi direttamente al nuovo fornitore e sottoscrivete con questo il contratto desiderato, sarà lui ad informare A2A del cambio.

Come richiedere la disdetta A2A?

Per effettuare la disdetta A2A vi sono diverse modalità.

Si può richiedere direttamente ad uno dei tanti sportelli A2A Energia, portando con se il proprio documento di identità nel caso in cui si è l’intestatario, o eventuale delega da parte dell’intestatario.

La disdetta si può richiedere anche telefonicamente, telefonando ad uno dei numeri verdi indicati nella sezione “ Contatti” del sito, e tenendo a portata di mano i dati dell’intestatario, codice fiscale o partita Iva, numero di fornitura indicato all’interno del contratto e l’indirizzo a cui inviare l’ultima bolletta per il conguaglio.

Ultima modalità di richiesta è online, accedendo direttamente all’area personale con le proprie credenziali.

 

 

Qualora siate impossibilitati ad inviare la disdetta con queste modalità, potete telefonare direttamente al numero verde e farvi indicare l’indirizzo cui poter inviare una raccomandata A/R.

In questo caso, bisognerà utilizzare il modulo di disdetta, compilarlo in tutte le parti, firmarlo ed inviarlo insieme alla fotocopia di un documento di identità.