Templates by BIGtheme NET
Home / Professionisti e PMI / Chiudere un’attività commerciale: ecco come fare

Chiudere un’attività commerciale: ecco come fare

cessare attività screen

All’interno di questo appuntamento, scopriremo quali passi bisogna seguire per chiudere un negozio o comunque una qualunque attività commerciale aperta con la formula della ditta individuale.

Cercheremo di spiegare le cose in modo semplice, aiutandovi a non commettere errori e passi falsi di alcun genere.

Come chiudere un’attività commerciale (ditta individuale)

Chiunque sia titolare di una ditta sa che, se decide di chiuderla, ci sono diversi passaggi che per legge è obbligato a rispettare.

Tanto per cominciare, la decisione deve essere resa nota non solo alla camera di commercio ma anche a tutti gli enti a cui vi siete dovuti rivolgere per avviare l’attività.

I motivi per cui una persona può decidere di arrivare a chiudere la sua attività individuale sono molteplici. Si può trovare infatti ad affrontare problemi personali che gli impediscono di portarla avanti, può essere giunto all’età della pensione, se da essa non si traggono i giusti guadagni.

Ad ogni modo, la chiusura di una ditta individuale, oggi, è un evento quasi all’ordine del giorno e tra l’altro porre fine alla vostra attività individuale è davvero molto semplice.

Per prima cosa, bisogna chiudere la Partita IVA che vi era servita per poter aprire una ditta individuale e per poter la merce;

La procedura può essere avviata sia dal titolare, mediante mezzo telematico, che dal suo commercialista.

Una volta che si riceve l’attestato della chiusura della Partita IVA, occorrerà recarsi alla camera di commercio e acquisire il modulo per chiedere la chiusura della ditta.

Questo modulo dovrà essere compilato inserendo i vostri dati; alla fine vi sarà chiesto di versare il pagamento di bollettino di 14,62 euro presso l’ufficio postale.

Va precisato, però, che nel caso in cui la ditta in vostro possesso sia di tipo artigianale come, ad esempio, una pasticceria o altro, tale procedura va effettuata recandovi presso l’ufficio comunale.

Ad ogni modo, la vostra domanda giungerà alla camera di commercio all’INPS. Per consentire il completamento della procedura dovrà, poi. Essere comunicata l’avvenuta cessazione dell’attività agli enti quali, ad esempio, all’Enel, alla società del gas, alla società telefonica ecc.… .

Come accennato poc’anzi il costo della procedura si aggira su meno di 15 euro considerando il pagamento del bollettino. Tuttavia, gli altri costi di chiusura della ditta individuale sono da riferirsi a quelli riguardanti i dipendenti della ditta in questione. Il titolare, infatti, in caso di chiusura della ditta individuale è tenuto a corrispondere a ciascun dipendente la liquidazione nonché a versare loro quanto stabilito nel trattamento di fine rapporto.

Come chiudere una ditta individuale in caso di debiti

Sono tanti gli imprenditori che si trovano a dover chiudere la loro ditta individuale per debiti che, col tempo, cominciano ad essere ingestibili a causa di finanziamenti ricevuti da banche, tasse e cartelle Equitalia fino al giorno in cui l’imprenditore non riesce più a pagarli.

Ebbene, quegli stessi imprenditori si chiedono cosa rischiano in questo caso. Purtroppo, chiudere l’attività non comporta l’estinzione automatica dei debiti. Gli istituti di credito così come Equitalia, infatti, possono rivalersi anche sul proprio patrimonio personale e, dunque, non solo su quello dell’azienda.

Per gli obblighi e i debiti dell’impresa individuale, risponde non solo il capitale dell’azienda, ma anche l’imprenditore con il proprio patrimonio personale. Ciò vuol dire che, se gli istituti in questione avviano un iter di recupero crediti, sono a rischio case di proprietà, auto, terreni. Ovviamente non avviene tutto in maniera automatica, ma occorre che questi attivino specifici iter di recupero crediti.

Chi, invece, non è titolare di beni personali non è soggetto ad alcuna rivalsa, tuttavia, se in futuro deciderà di riaprire un’altra attività, potrebbe riscontrare non pochi problemi a causa dei precedenti come cattivo pagatore.

Può tornare utile, dunque, giungere ad un accordo con la banca o chi per essa e ideare un nuovo piano di restituzione dei debiti più lieve del precedente giungendo magari al compromesso di allungare la rata di rimborso e nello stesso tempo ridurre le rate.

Modelli necessari per chiudere un’attività commerciale(ditta individuale)

Questi sono i modelli necessari per chiudere una attività commerciale in ditta individuale:


Modello per chiudere un’attività individuale

Istruzione per compilare il modello per chiedere la chiusura di una ditta individuale